Ecco la mappa più precisa della Via Lattea con oltre 1,81 miliardi di stelle- Corriere.it

la mappa 3D pi precisa mai realizzata, di quasi due miliardi di stelle della nostra galassia, la Via Lattea: per la precisione 1.811.709.771. il frutto di 34 mesi di osservazioni compiute con il satellite astronomico Gaia dell’Esa (Agenzia spaziale europea) concepito apposta per definire con esattezza la posizione degli astri della nostra isola stellare. Il dato fondamentale per studiarli e consentire altre scoperte sulla loro natura. Oltre la posizione Gaia ha misurato anche le distanze, i movimenti celesti, luminosit e colori; tutte operazioni a cui hanno partecipato in modo significativo i ricercatori dell’Asi (Agenzia spaziale italiana) e dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf). Uno dei sei centri europei che hanno elaborato la montagna di informazioni il centro Altec di Torino.

Risultati

Tra i risultati importanti ottenuti c’ l’identikit completo di oltre 330 mila stelle presenti nei dintorni del Sole entro una distanza di 330 anni luce classificandone le propriet, precisa Mario Lattanzi dell’Inaf e responsabile della partecipazione italiana al programma. Il satellite Gaia venne lanciato nel 2013 e da allora scruta gli angoli della galassia alla cui periferia noi “abitiamo” nel Sistema solare.

Gaia

Gaia il successore del primo satellite astrometrico europeo, Hipparcos, che inizi questo lavoro di censimento nel 1989. Ma erano solo i primi passi. Ora Gaia, compiendo un balzo straordinario, ha la capacit di guardare le stelle cogliendone la luminosit un milione di volte pi debole di quella percepita dall’occhio umano. E grazie alle sue capacit stato possibile conoscere i dettagli della formazione e dell’evoluzione della galassia in relazione alle altre parti dell’universo visibile. Il suo sguardo infatti anche andato oltre la Via Lattea scrutando il cuore di altre galassie, rilevando, ad esempio, i dettagli delle due nubi di Magellano vicine a noi mostrandone il cannibalismo in atto con la pi grande che si sta mangiando la pi piccola.

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *